Rimanendo alla pagina politica, Mediaset appare fermamente arruolata nella “campagna d’autunno” lanciata da Berlusconi contro le tasse, vecchio cavallo di battaglia forse vincente, ma montato da un fantino che vincente non è più. Il risultato è che mentre per le altre testate in primo piano è l’approvazione di Bankitalia alla manovra di stabilità – con il warning sulla questione tfr che rischierebbe di prosciugare i redditi nella terza età – su Mediaset risaltano solo i dati scettici dell’Istat sul Pil del biennio 2015-2016.

La vicenda Cucchi non genera divisioni tra i Tg, tutti attenti agli sviluppi che hanno visto il capo della Procura romana Pignatone aprire alla possibilità di ripartire da zero nell’inchiesta, e tutti critici sulla mossa del sindacato di polizia che ha querelato la sorella Ilaria per presunta istigazione all’odio verso le forze dell’ordine. Il rinvio a giudizio di Verdini e Cosentino nell’inchiesta sulla P3 casualmente non entusiasma Mediaset, mentre è in primo piano su Rai e La7.
L’epilogo coraggioso della vita della trentenne Brittany che negli Usa ha scelto l’eutanasia anticipando la fine certa per un tumore devastante al cervello, è nei titoli delle maggiori testate, con Tg5 che vi dedica addirittura l’apertura. Lo stesso avviene per i dati delle occupazioni illegali delle case di edilizia popolare nelle maggiori città italiane, generate dal bisogno dei senza tetto ma gestite in parte consistente dalla malavita. Titoli e servizi per Rai e Mediaset, ed interessante approfondimento per Tg2.

Il consueto provincialismo dei media italiani è stato scalzato in serata dalla doverosa attenzione alle elezioni di midterm negli Stati Uniti che con ogni probabilità consegneranno domani notte anche il Senato ad una maggioranza repubblicana. Obama, destinato a passare un paio d’anni da “anatra zoppa”, è inquadrato da diversi servizi che segnalano come le residue speranze democratiche siano affidate agli ultimo fuochi della campagna elettorale accesi dalla First lady Michelle, in questa fase molto più “vincente” del marito.

Alberto Baldazzi
Dati auditel dei Tg di domenica 2 novembre 2014
Tg1 – ore 13:30 4.753.000, 26,70% ore 20:00 5.886.000, 23,64%.
Tg2 – ore 13:00 2.715.000, 15,98% ore 20:30 1.934.000, 7,20%.
Tg3 – ore 14:30 1.262.000, 7,70% ore 19:00 2.296.000, 10,97%.
Tg5 – ore 13:00 2.970.000, 17,39% ore 20:00 4.829.000, 18,96%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.864.000, 12,94% ore 18:30 1.290.000, 6,91%.
Tg4 – ore 11:30 554.000, 6,33% ore 18:55 1.171.000, 5,63%.
Tg La7 – ore 13:30 612.000, 3,47% ore 20:00 930.000, 3,67%.

Fonte:www.tvblog.it